Le nostre aperture di Pasqua, 25 aprile e 1° maggio

Le nostre panetterie sono aperte anche durante le feste, con il pane sempre fresco, sfornato dentro al Villaggio Sos di Vicenza. Nei giorni di festa, consigliamo sempre di prenotare il pane i giorni prima e venire a ritirarlo direttamente in panetteria.

Il giorno di Pasqua, domenica 21 aprile, le panetterie di piazza delle erbe e viale Trieste saranno aperte al mattino, dalle 9.00 alle 12.30. La panetteria di corso Fogazzaro invece resterà chiusa.

Lunedì di Pasquetta, 22 aprile, saremo chiusi – come sempre il lunedì.

Giovedì 25 aprile tutte e tre le panetterie di piazza delle erbe, corso Fogazzaro e viale Trieste saranno aperte solo al mattino con orario festivo, dalle 9.00 alle 12.30.

Mercoledì 1° maggio tutte le nostre botteghe resteranno chiuse.

È Pasqua! Prova le nostre focacce e colombe artigianali

La Pasqua porta nuovi prodotti artigianali nelle panetterie di Pane Quotidiano: la focaccia pasquale e le colombe con la glassa alle mandorle o le gocce di cioccolato.
Come tutti i nostri prodotti, anche quelli pasquali sono lavorati a mano dai ragazzi e dalle ragazze del Villaggio Sos di Vicenza, nel forno di Pane Quotidiano che si trova nella sede del Villaggio Sos.
Acquistiamo le farine in mulini del territorio; sono poco raffinate, per mantenere integre le proprietà nutritive dei cereali. E le uova, lo zucchero e il miele sono da agricoltura biologica.

La colomba classica, con canditi di arancia e glassa alle mandorle, ha 20 ore di lievitazione naturale a pasta madre. La vendiamo in forme da 750 grammi, a 13,90 euro.
Ingredienti: farina di tipo 0, uova, zucchero, burro, latte, pasta madre, acqua, vanillina, arancio candito, amido di mais e glassa con zucchero e mandorle.

La colomba con gocce di cioccolato ha 20 ore di lievitazione naturale a pasta madre. La vendiamo in forme da 750 grammi, a 13,90 euro.
Ingredienti: farina di tipo 0, uova, zucchero, burro, latte, pasta madre, acqua, vanillina, amido di mais e gocce di cioccolato.

La focaccia pasquale, senza canditi né glassa, ha 18 ore di lievitazione ed è preparata con lievito di birra. 
La vendiamo in forme da 500 grammi, a 8,90 euro.
Ingredienti: farina di tipo 0, acqua, latte, uova, burro, zucchero, lievito di birra, miele, sale, aromi naturali all’arancia e alla vaniglia.

E, tra le focacce e le colombe, spunta un pulcino: il protagonista – disegnato da Francesca Dafne Vignaga – del nostro libro illustrato “La tana del pulcino” torna con un’offerta promozionale per Pasqua.
Proponiamo il libro abbinato alla focaccia pasquale al prezzo speciale di 13,90 euro (libro e focaccia da 500 gr) o alla colomba a 18,90 euro (libro e colomba da 750 gr).

I nostri prodotti sono lavorati sempre freschi e senza conservanti, quindi per gli ordini più grandi abbiamo bisogno di qualche giorno di lavorazione. Le focacce e le colombe hanno una conservazione di circa un mese.

Vi aspettiamo in panetteria per un assaggio pasquale!

“L’invasione dell’ultra pane” (via RFood)

Riproponiamo un articolo uscito nell’inserto RFood di Repubblica lo scorso 11 marzo, “L’invasione dell’ultra pane: tra grani e grandi formati, il futuro è qui”, a firma di Luca Martinelli.

Tra le pagine spuntava anche il nostro “pulcino” del libro illustrato da Francesca Dafne Vignaga, “La tana del pulcino” (Pane Quotidiano, 2018). Una soddisfazione per noi, in ottima compagnia dei migliori Panificatori Agricoli Urbani d’Italia, giovani che stanno rivoluzionando il modo di fare il pane.

 

“In Italia è in corso la rivoluzione del pane, grazie a un movimento di nuovi panificatori. Sono giovani, e in molti casi hanno scelto questo mestiere dopo la laurea. Lavorano in rete, perché solo così è possibile far crescere una cultura moderna della panificazione, che parte dai campi e dai cereali, di tante varietà diverse, e non mette al centro la farina. Costruiscono filiere, ma aprono negozi nelle città, perché l’ambito urbano è in grado di influenzare profondamente i consumi, e di far crescere le loro imprese con ricavi che in alcuni casi superano il milione di euro (per capirsi, vuole dire che il panificio incassa giornalmente 3500 euro).

Si chiamano Panificatori Agricoli Urbani e il loro credo è la lievitazione naturale, quella lenta con la pasta madre, che dà un pane buono per una settimana e fa sì che non debbano impastare di notte. Insieme, stanno riscrivendo le regole a partire da una domanda: “Il pane è o non è un prodotto agricolo?”. Se l’è posta per primo Davide Longoni, che dopo esser cresciuto nel forno dei genitori, a Carate Brianza, si è messo a fare il pane nel 2003, a quasi trent’anni, dopo una laurea in Lettere, un master in comunicazione digitale e un lavoro all’agenzia Magnum-Contrasto. “Mi resi conto che le farine venivano descritte per le loro caratteristiche tecniche, che non avevano una storia. Era impossibile ricostruire una filiera del pane, e allora ho iniziato a farlo, con Eugenio Pol, del forno Vulaiga di Fobello, nel vercellese”.

Di pane agricolo Longoni inizia a parlare nel 2006, con il progetto Spiga&Madia, una filiera corta che coinvolge i gruppi d’acquisto solidali (Gas) della Brianza: un agricoltore coltiva i cereali, che vengono macinati, stoccati e panificati da Davide. Nel 2013 il suo progetto sbarca a Milano, dove oggi è presente con due punti vendita, in via Tiraboschi 19 (zona Porta Romana) e al Mercato del Suffragio. E in un raggio di tre chilometri si trovano dodici ettari di terreni agricoli, su cui sono coltivati segale e, dal 2019, farro. “Nel 2018 abbiamo raccolto 180 quintali di segale, che rappresenta il 5 per cento di tutto il cereale panificato” racconta.

Chi parla di pane agricolo, però, non deve necessariamente coltivare in proprio le varietà di grano usate. Il punto è “fare un prodotto che racconti una storia di luoghi e persone, cambiare prospettiva, far capire al consumatore che la materia prima del panificatore è il cereale, non la farina” spiega Pasquale Polito. Ha meno di trent’anni, una laurea in Geografia, e nel 2015 ha aperto a Bologna il Forno Brisa. È uno tra i tanti giovani ad essersi formato nel laboratorio di Davide Longoni, per poi mettersi in proprio. Ci sono passati anche Simone Conti, che ha aperto Tilde a Castel Cerreto, una frazione di Treviglio e Aurora Zancanaro, de LePolveri a Milano, e ancora Giovanni Mineo — che ha da poco aperto Crosta, sempre a Milano — e Alfredo Sironi, che è andato fino a Berlino con il suo forno Sironi-il Pane di Milano. Tra i Panificatori Agricoli Urbani ci sono anche Andrea Perino dell’omonimo forno a Torino, Daniele Ciabattoni del Laboratorio di panificazione “Grano” ad Ascoli Piceno, Carlo Defraia di Madriga, a Cagliari. E a metà aprile apre, sempre ad Ascoli, l’Assalto ai forni, di Lorenza Roiati: lei è stata a scuola da Longoni a Milano e da Gabriele Bonci, che a Roma con il suo Pizzarium è l’altro grande formatore di questa nuova generazione di lievitisti.
“La città è fondamentale nel nostro progetto: i grandi cambiamenti nascono storicamente nelle aree urbane — sottolinea Pasquale Polito, che queste dinamiche le ha studiate all’università — . L’opportunità di distribuire il prodotto in città offre sostenibilità alle filiere agricole, che possono crescere”. Brisa, per esempio, ha coinvolto alcune aziende agricole abruzzesi, che recuperano varietà tradizionali con il grano Solina e producono il 35 per cento dei cereali panificati nel laboratorio di via Galliera, a Bologna.

Le città permettono anche di sperimentare nuovi formati di negozio, come suggerisce Matteo Piffer, che nel 2017 ha aperto il primo locale a Trento del Panificio Moderno di famiglia, fino a quel momento presente solo a Rovereto ed Isera: “Alla vendita del pane associa una caffetteria e la cucina con materie prima di qualità, scelte con gli stessi criteri che ci guidano sui cereali, e alcune etichette di vino naturale”. Nell’Italia che consuma ormai 80 grammi di pane pro capite al giorno, spesso acquistato la sera, dopo una giornata di lavoro, il nuovo panificio ha più chance di attirare nuovi clienti. Curiosi che guardando oltre il bancone fanno un giro d’Italia, scoprendo che non c’è più il pane ma i pani, frutto di varietà locali di grano duro e tenero, che possono essere lavorati in purezza o meno. La pasta madre, poi, offre ai giovani la possibilità di coniugare il lavoro nel forno con la vita privata: non serve lavorare di notte. S’inforna al mattino, dopo aver lasciato le forme a crescere tutta la notte. Aurora Zancanaro lo spiega sul sito de LePolveri: “Tutto il pane è impastato nel pomeriggio […]. Nel tardo pomeriggio va al fresco a maturare ed è cotto il mattino successivo, per essere venduto dopo qualche ora”. Se il tuo pane è morbido per una settimana non serve davvero più puntare la sveglia alle due e mezza. (…)”

Continua a leggere su Repubblica.it.

Musica live nel bar di Pane Quotidiano in piazza erbe

Fin dall’inizio dell’avventura di Pane Quotidiano abbiamo voluto considerare il valore culturale del pane: un bene prezioso che è occasione di convivialità, socialità e cultura. Tra gennaio e marzo 2019 il bar di Pane Quotidiano in piazza delle erbe è diventato il teatro di alcuni live musicali di alta qualità, con artisti del territorio (che ringraziamo!) che hanno portato la loro arte nel palcoscenico ricavato nella nostra panetteria.

Sabato 19 gennaio, Valvassori&Gallucci duo: uno speciale aperitivo a ritmo di jazz, con la degustazione della nuova salsa swing.

Venerdì 15 febbraio, lo scrittore Simon Trumpet ha letto un paio di racconti estratti dal suo libro “Al di là del nulla”. Non solo un classico reading, ma una vera e propria performance artistica, in collaborazione con il misterioso musicista R.I.F. 001. Suoni industriali e meccanici mixati alle atmosfere futuriste dei racconti.

Domenica 24 febbraio il “Tappeto di perla”, con Fabio Rampazzo (chitarra), Roberto Frestan (piano), Tony Stocco (basso) e Giovanni Soave (batteria), hanno portato il loro fantastico repertorio soul, funky, jazz e blues.

In occasione della festa internazionale della donna, l’8 marzo, abbiamo avuto con noi un eccezionale duo femminile: Irene Brigitte&Lil Alice.

E sabato 23 marzo, aperitivo dalle sonorità folk con le Weeping Willows: un viaggio musicale nella tradizione nordamericana.

Presto nuove proposte in arrivo: vi aspettiamo al bar di Pane Quotidiano in piazza delle erbe a Vicenza!

Un Natale di bontà solidali con Pane Quotidiano

Si avvicinano le festività natalizie: quest’anno abbiamo scelto di racchiudere i nostri doni per voi in una casa di cartone, che richiama il nostro Villaggio Sos.

È una scatola riutilizzabile (che si può scegliere nelle due varianti di colore, havana o rossa) da riempire con quello che preferisci. Puoi scegliere tra i nostri prodotti artigianali (crackers, grissini o biscotti) e quelli di altre realtà bio e sociali vicentine (il miele e le confetture dell’apicoltura Summano; il pomodoro con le erbe aromatiche di Corte Bertesina; il vino “Prime Bollicine” de Le vigne di Roberto).

 

 

Ci sono quattro diverse tipologie di case tra cui scegliere, a partire da 16,00 euro: dentro trovi sempre il nostro libro illustrato “La tana del pulcino”, e un biglietto di auguri.

Ordinare le casette è molto semplice:

  1. sfoglia il nostro catalogo natalizio 2018, dove trovi tutti i dettagli delle diverse tipologie di casa;
  2. compila il modulo d’ordine scegli i prodotti che preferisci;
  3. invia il modulo compilato via mail a panequotidiano.vi@gmail.com, o consegnalo direttamente in una delle nostre panetterie a Vicenza.

Nelle panetterie di Piazza delle Erbe, viale Trieste 195 e corso Fogazzaro 171/a, a Vicenza, trovi anche i nostri panettoni artigianali e gli alberi di pan brioche. E se lo vuoi, puoi anche scegliere i nostri prodotti natalizi sfusi: biscotti, crackers, grissini o il pane a lievitazione naturale, preparati dai nostri ragazzi nel forno del Villaggio Sos di Vicenza, con materie prime di alta qualità e bio.

Per ogni altra informazione siamo a tua disposizione: contattaci al numero 320.8589507, o alla mail panequotidiano.vi@gmail.com e seguici su facebook Pane Quotidiano Vicenza.

 

Il nuovo packaging di biscotti e friabili salati, con le illustrazioni di Diana Sbabo

Hai mai provato i nostri prodotti confezionati? I friabili salati (crackers, grissini, praline) e i biscotti (vegani, al cacao e castagne, al latte e al cocco) da oggi sono più gustosi anche per gli occhi, grazie al nuovo packaging, curato dall’illustratrice Diana Sbabo.

Sul retro trovi anche le indicazioni su come differenziare la confezione!

Vi aspettiamo nelle tre botteghe di Pane Quotidiano a Vicenza (piazza delle erbe, corso Fogazzaro 171/a e viale Trieste 195) per scoprire la nostra linea di prodotti secchi, dolci e salati, realizzati artigianalmente dai nostri ragazzi:

  • grissini di grano tenero
  • grissini di grano tenero
  • crackers al mais
  • crackers al grano saraceno
  • praline di grano tenero
  • biscotti con cacao e farina di castagne (senza lievito!)
  • biscotti vegani al grano saraceno
  • biscotti al cocco
  • frollini al latte

Una nuova panetteria di Pane Quotidiano in corso Fogazzaro 171/a

Sabato 15 settembre 2018 abbiamo inaugurato la terza bottega di Pane Quotidiano a Vicenza, in centro storico, in corso Fogazzaro 171/a.

Una nuova panetteria dove trovare ogni giorno il nostro pane sfornato dentro al Villaggio Sos, con pasta madre e farine del territorio, ma anche le eccellenze di alcune piccole aziende agricole di Vicenza e dintorni.

Chi siamo

Pane Quotidiano è un forno artigianale e sociale inaugurato nel 2015 dentro al Villaggio SOS di Vicenza onlus, in viale Trieste. È il primo forno della città di Vicenza a vantare il marchio “Forno di qualità” della Regione Veneto, che garantisce al consumatore la qualità della nostra filiera.
Lavoriamo con farine macinate a pietra da mulini locali, quando possibile da agricoltura biologica, e facciamo lievitare il pane lentamente, usando la pasta madre. Impastiamo solo farine poco raffinate, di grani antichi e salutari, conoscendoli uno per uno per unire la memoria storica all’innovazione.

Pane Quotidiano è un progetto di inserimento lavorativo dei ragazzi accolti nelle comunità familiari del Villaggio SOS di Vicenza onlus. “Crosta dura, cuore caldo” è il motto di Pane Quotidiano, una metafora dedicata ai ragazzi coinvolti nel progetto, che sfornano ogni notte pane e dolci realizzati artigianalmente con materie prime semplici ed essenziali alla vita, come l’acqua e la farina. I ragazzi, che hanno tra i 16 e i 22 anni, sono coinvolti sia nella produzione, accompagnati da un mastro fornaio, che nella vendita del pane nelle botteghe che abbiamo a Vicenza: in piazza delle erbe, in viale Trieste 195 e da settembre in corso Fogazzaro 171/a.

Continua così il percorso che abbiamo intrapreso fin dall’inizio, concentrandoci sull’alta qualità e la salubrità del nostro prodotto, perché crediamo che il pane possa essere il veicolo giusto per fare educazione e cultura alimentare, avvicinando i cittadini alla riscoperta di un cibo sano e capace di ricostruire comunità attorno alla tavola.

Pane Quotidiano con Terrestri d’estate

Terrestri d’estate è un festival di teatro urbano per le nuove generazioni (dai 6 ai 106 anni), curato da LaPiccionaia, in collaborazione con il Comune Di Vicenza e il sostegno di AIM Vicenza Mobilità.
Siamo orgogliosi di partecipare al festival, insieme a tante altre realtà del territorio: IllustriCooperativa Sociale Insieme e Al Barco Cooperativa InsiemeEquistiamo e Vaghe stelleAster Tre VicenzaProgetto Giovani VicenzaCooperativa Il MosaicoRiverLand asdDe Bernardini GiocattoliBottega altromercato Vicenza – UnicomondoTeatro Astra, Liceo Artistico Boscardin, Edeco Onlus e Casa del Fanciullo, Azienda Agricola Corte BertesinaA.Gen.Do. Onlus e Fuori di Zucca.

Nel bar e panetteria di piazza delle erbe ospiteremo due eventi: il Forum “Educare alla bellezza”, martedì 17 luglio alle ore 18.30 e l’“intermezzo mangereccio” di sabato 21 luglio, alle 20.30.

quest'anno #Terrestri continua anche d'estate ! è in arrivo il festival di teatro urbano de LaPiccionaia. dal Teatro Astra ci spingeremo in altri luoghi della città: spettacoli, itinerari tra arte storia, gioco e natura, docu-film su esperienze straordinarie di teatro e paesaggio, relazioni tra illustrazione, fotografia e tessuto sociale. Fanny & Alexander Teatro delle Albe Valentina Dal Mas LaPiccionaia e ancora i film di Giulio Boato: Theatron | Romeo Castellucci e Jan Fabre | Beyound the artist, il documentario Ubu buur del teatro delle albe, e il video dii Andrea Colbacchini c'è gente strana che quando piove non va nei boschi. e tanti itinerari via terra e anche via fiume. tutto il programma completo è sul sito www.teatroastra.it un festival dedicato a tutti: bambini, ragazzi e adulti, reso possibile grazie al sostegno di AIM Vicenza Mobilità, il Comune di Vicenza e la collaborazione con Illustri Cooperativa Sociale Insieme Al Barco Equistiamo Vaghe stelle Pane Quotidiano Vicenza Villaggio SOS di Vicenza onlus Corte BertesinaA.Gen.Do. OnlusFuori di Zucca De Bernardini Giocattoli Bottega altromercato Vicenza – Unicomondo altromercato #edeco Casa del Fanciullo – Cadelfa Liceo Artistico Boscardin RiverLand asd Aster3 Progetto Giovani Vicenza Cooperativa Il Mosaico

Pubblicato da Teatro Astra su Giovedì 21 giugno 2018

Martedì 17/7, ore 18.30
Forum “Educare alla bellezza”

L’attore e regista de LaPiccionaia Carlo Presotto incontra la storica dell’arte Agata Keran, la presidente di LA SCUOLA DEL FARE Associazione Culturale Elia Zardo, l’illustratore Ale Giorgini e l’insegnante Camilla Sala Scultrice per una riflessione condivisa sul tema delle emozioni dei bambini e di come sta cambiando il panorama dell’arte dedicata ai più piccoli.
Tutte le info qui.

Sabato 21/7, ore 20.30
Intermezzo mangereccio

Il piacere dello stare insieme si unisce al gusto per il cibo a km zero, l’inclusione sociale e la condivisione di esperienze. Il tutto accompagnato dai prodotti speciali di Pane Quotidiano Vicenza, forno artigianale e sociale del Villaggio SOS di Vicenza onlus.
Contributo € 10 | posti limitati | prenotazione obbligatoria entro mercoledì 18 luglio: 0444 323725 – info@teatroastra.it
Tutte le info qui.

Vi aspettiamo numerosi!

Primavera 2018: il calendario degli eventi

La primavera porta con sé numerosi eventi che vedono coinvolti i ragazzi di Pane Quotidiano.
Ecco un calendario con tutte le date, per non perdersi nemmeno un appuntamento!
Tutti gli aggiornamenti sugli eventi li trovate anche sulla pagina facebook Pane Quotidiano Vicenza. Seguiteci!

Iniziamo questo sabato 21 aprile, Slow Food Vicenza organizza in piazza delle erbe a Vicenza lo SLOW FOOD DAY 2018. Dalle 9.00 alle 19.00 – in collaborazione con Pane Quotidiano Vicenza e con l’Associazione Piazza delle Erbe – una giornata dedicata all’alimentazione “buona, pulita e giusta” e in particolare al grano, tema dell’edizione 2018. Per tutta la giornata sarà attivo in piazza un info point di Slow Food Vicenza.

Al mattino (dalle 10.30 alle 11.30) e al pomeriggio (dalle 16.00 alle 17.00 e dalle 17.00 alle 18.00) laboratori di impasto per i più piccoli con il fornaio di Pane Quotidiano, Denis Segalina. Spiegheremo gli ingredienti di base per fare il pane, la loro origine e la qualità, e i bambini potranno sperimentare in prima persona semplici impasti che ciascuno potrà poi portare a casa propria per la cottura. Per i laboratori ci si può iscrivere inviando un messaggio via facebook, oppure con una mail a slowfood.vi016@gmail.com.

Alla fine del primo laboratorio, verso le ore 12.00, Chiara Spadaro presenterà in piazza delle erbe il libro “Il pane fatto a mano. 33 ricette e storie di pane buono, bio e solidale” (Altreconomia, 2017), facendo degustare una selezione di prodotti di Pane Quotidiano.

~

Mercoledì 25 aprile siamo aperti tutto il giorno con orario continuato e il pane fresco!

~

Venerdì 27 aprile, alle ore 19.00, Pane Quotidiano ospita la sfilata di moda critica ed equosolidale “Fashion Revolution!”, organizzata dalla cooperativa Unicomondo con gli studenti dell’Istituto Bartolomeo Montagna di Vicenza.

~

Sabato 28 aprile, alle 19.00, abbiamo il piacere di offrire l’aperitivo nello spazio Exworks, durante il Working title film festival, festival del cinema del lavoro.
Quel giorno, Exworks ospiterà alle 15.00 la conferenza “2008-2018 Rappresentazioni del lavoro nell’audiovisivo” e alle 21.00 ci saranno le proiezioni per la nuova sezione di concorso “Extraworks – Cinema sperimentale e videoarte”, con “Made in Roubaix”, “Latent”, “Esseri”, “Mitarbeiter des Monats / Employee of the Month”, “Manifesto”, “Curtain Calling”, “Home Exercises” e “Un ultimo giro”.

Il programma del festival è ricco di proiezioni, conferenze e incontri: scopri tutto sulla pagina facebook Working Title Film Festival.

~

Martedì 1° maggio, Festa dei lavoratori: le nostre panetterie restano chiuse!

~

Sabato 5 e domenica 6 maggio alcuni ragazzi di Pane Quotidiano saranno in viaggio in moto con gli amici di Traccia Aperta. Direzione: i Villaggi SOS di Saronno e Trento. Presto tutte le news su questo viaggio speciale!

~

Dal 10 al 20 maggio torna il celebre Vicenza Jazz Festival.
Il clou sarà sabato 12 maggio, con il grande concerto in piazza dei signori. Ma tutti i giorni in diversi locali del centro storico e anche in piazza delle erbe ci saranno numerose proposte musicali per tutti i gusti.

~

Sabato 12 maggio, alle ore 17.00 nel parco del Villaggio SOS di Vicenza, presenteremo il libro Lei (Guanda, 2017) con l’autrice, Mariapia Veladiano.

Con Lei, Mariapia Veladiano dà voce a un personaggio unico, Maria di Nazareth, restituendola alla sua piena essenza umana. L’autrice vicentina, vincitrice del Premio Calvino con La vita accanto (Einaudi Stile Libero) e finalista al Premio Strega 2011, ha pubblicato diversi libri: Il tempo è un dio breve (2012), Ma come tu resisti, vita (2013), editi Einaudi; Messaggi da lontano (Rizzoli, 2013), Parole di scuola (Erickson, 2014), Venire al mondo (Il margine, 2015). Per Guanda ha pubblicato Una storia quasi perfetta (2016).

~

Sabato 19 maggio, “Un abbraccio alla Basilica”, dalle ore 15.00 in piazza delle erbe
In occasione della Giornata mondiale contro l’omo-bi-transfobia, da piazza delle erbe si creerà una catena umana per abbracciare simbolicamente la Basilica Palladiana di Vicenza.

~

Domenica 20 maggio, alle 14.30 nel convento dei Servi di Santa Maria di Isola Vicentina, nell’ambito del Festival Biblico 2018, proponiamo un laboratorio sul pane:

LA TANA DEL PULCINO Entriamo nella tana!
Una storia sul valore della condivisione, dell’amicizia e dell’attesa. Alcune letture e piccoli laboratori aiuteranno ad entrare nel mondo del pane, partendo da un chicco di grano per arrivare a fare nuove scoperte.
Evento a numero chiuso con prenotazione entro il giorno 8 maggio: mariadelcengio@gmail.com, tel. 0444 976131.

Sempre durante il Festival Biblico, ci troverete da giovedì 24 maggio e fino a domenica sera al DABAR in contrà Catena a Vicenza, con i nostri prodotti da forno!

~

Sabato 26 e domenica 27 maggio Pane Quotidiano partecipa alla quinta edizione di Panis Marano, il festival del pane di Marano Vicentino. Presto tutte le news sul programma!

~

Mercoledì 6 e domenica 10 giugno Pane Quotidiano sarà a Gli stati della mente, festival di arte e cultura sul tema della salute mentale. Presto tutte le news sul programma!

#pmday 2018: domenica 15 aprile

Domenica 15 aprile è il Pasta Madre Day 2018!
Nelle nostre panetterie – in piazza delle erbe e viale Trieste 195 – per l’occasione doneremo della pasta madre a chi volesse mettere le mani in pasta.

Cos’è il Pasta Madre Day
Nato da un’idea di Riccardo Astolfi, che nel 2016 ha passato il testimone della gestione al Gruppo la Pasta Madre, aveva inizialmente l’obiettivo di unire gli utilizzatori di Pasta Madre e creare una community a livello Nazionale. 
Oggi il Pasta Madre Day è un Maxi-Evento che coinvolge tutte le zone di Italia e diverse località del mondo. Assoluta libertà per appassionati, professionisti o dilettanti, gruppi di amatori, ma anche singoli individui che organizzano eventi di Spaccio gratuito nella propria città, con il fine comune di Diffondere l’utilizzo della Pasta Madre e di trasmettere la propria passione ad altri. 

Basta avere Pasta Madre o Li.Co.Li, trovare un posticino dove allestire il tuo evento, dal tavolino nel tuo cortile, al palco nella piazza principale e con un bel sorriso donare qualche consiglio.

www.pastamadreday.it